Istituto Helvetico Sanders Trapianto

Camuffare la calvizie non serve: lo confermano i vip

A fare da apripista è stato il tennista più famoso tra gli anni ’80 e ’90: Andre Agassi era un idolo indiscusso quando si fece promotere della moda della capigliatura lunga e selvaggia, ancora più riconoscibile grazie alle fasce fluorescenti. Aveva poco più di venti anni Agassi e sicuramente, più forte e con molti più capelli dei suoi avversari. Tuttavia, quasi venti anni dopo ha ammesso che l’aspetto da Sansone era in realtà dato da un parrucchino, indossato per camuffare la calvizie incipiente, soluzione piuttosto insolita e scomoda per un atleta. Infatti Agassi non tardò a liberarsene negli ultimi anni della sua carriera, quando ormai era fuori dai grandi circuiti agonistici e degli sponsor. Liberarsi del parrucchino è stato provvidenziale, l’atleta statunitense ha riconquistato gli antichi fasti quando ha deciso di mostrare la sua vera capigliatura, rada e segnata dalla calvizie. agassi calvizie

Il mondo del tennis non è il solo a vantare casi calvizie mal celata: nessuno lo avrebbe mai detto, ma è nel settore dell’alta moda il caso di calvizie più evidente, quello della venere nera Naomi Campbell. In questo caso non si tratta di alopecia androgenetica ma di anni di abitudini errate, dovute alle continue trazioni di chi, per esigenze lavorative, ha dovuto lisciare la sua capigliatura per anni ed applicare extensions su extensions, fino a creare un diradamento ben evidente nella zona frontale e laterale, e mal celato dai capelli lunghi. Soprattutto in questa situazione, la calvizie mal camuffata rovina l’immagine di una delle top model più famose di tutti i tempi.

 

naomi cambpell calvaLa Campbell non è l’ultima ad aver tentato di nascondere i suoi problemi di capelli: c’è chi, come il giocatore della Roma Gervinho, si affida ancora a tecniche di scarsa efficacia per affrontare il problema calvizie e coprire il diradamento. L’attaccante ivoriano,oltre che per i suoi goal, è conosciuto per le treccine coperte da una fascia nera, piuttosto spessa. Negli scontri di gioco, si sa,  le fasce possono volare via ed è esattamente quello che è accaduto una settimana fa: durante una fase di gioco, a Gervinho è caduta la fascia e  immediatamente la sua calvizie è balzata agli onori della cronaca e della satira più aspra. gervinho calvizie

Camuffare la calvizie, quindi, non serve, soprattutto in quanto il numero di casi in cui funziona davvero è davvero irrisorio. A funzionare contro la calvizie, è invece l’autotrapianto di capelli con tecnica FUE: un intervento di chirurgia estetica all’avanguardia, minimamente invasivo,  mediante il quale è possibile innestare capelli propri che non cadranno più (diversamente delle fasce e dai parrucchini)

 

 

  • Per approfondire, leggi le informazioni riguardanti il diradamento e la caduta dei capelli
  • Per conoscere la sede Istituto Helvetico Sanders più vicina visita la pagina dove siamo 
  • Istituto Helvetico Sanders costi: se riscontri un’ improvvisa caduta di capelli puoi avere maggiori informazioni sui costi dei servizi Istituto Helvetico Sanders e prenotare un’analisi specialistica gratuita chiamando il numero verde 800283838 oppure compilando il form nella pagina di richiesta analisi
Istituto Helvetico Sanders (2 Posts)


    comment are close
    Leave a Comment