Istituto Helvetico Sanders Trapianto

Trapianto fue

Istituto Helvetico Sanders ti accompagna in questo percorso che inizia con un’ accurata valutazione dei Nostri Biologi e prosegue con una visita specialistica nella struttura sanitaria privata più adatta a te, dove Medici esperti in Chirurgia Estetica ti illustreranno tutte le fasi dell’intervento.

IL TRAPIANTO DI CAPELLI CON TECNICA FUE.

La tecnica FUE (Fullicular Unit Extraction) è  nuova metodologia di trapianto capelli eseguita mediante estrazione delle singole unità follicolari dalla parte donatrice, la nuca. Le unità follicolari vengono quindi trapiantate direttamente nella zona  calva o diradata, evitando l’utilizzo di punti di sutura e senza cicatrici visibili.

GLI STRUMENTI

Questa tecnica viene eseguita con l’ausilio di bisturi cilindrici cavi, del diametro di un millimetro, denominati punch. L’apparecchiatura  utilizzata è formata da un sistema pneumatico di aspirazione e pressione, che muove due tipi di strumenti: un manipolo di aspirazione ed un albero cavo che alloggia un punch di piccolo calibro (diametro 0.8 mm, 1 mm, o 1.2 mm). Il punch ruota in maniera centrica ed esegue l’estrazione delle FUS di qualità eccezionale. Utilizzare questi punch guidati semplifica l’intervento del chirurgo che focalizza l’attenzione  sull’orientamento dello strumento, in modo da seguire la direzione del capello anche all’interno del cuoio capelluto. Il manipolo impiegato presenta un contrangolo che permette di lavorare in maniera più ravvicinata al cuoio capelluto, consentendo una vista migliore in campo operatorio.
L’unità follicolare viene estratta e aspirata senza trauma e  quindi trapiantata tramite un movimento regolare e progressivo del pistone senza il rischio di trauma ai capelli.

LE FASI

Durante la prima FASE DI ESPIANTO viene realizzata una finestra a livello dell’area occipitale, in cui i capelli sono rasati ad un millimetro (i capelli nella zona di impianto possono invece rimanere della lunghezza originale) e la cute è anestetizzata. Le unità follicolari vengono prelevate singolarmente mediante la rotazione dello strumento chirurgico e seguendo la direzione del capello all’interno del cuoio capelluto. Questo permette di ottenere unità follicolari senza effettuare alcuna incisione. 

Nella successiva FASE DI IMPIANTO, si anestetizza l’area interessata per rendere la pelle della cute turgida e dilatata, consentendo gli impianti delle unità follicolari più ravvicinati tra loro. Le unità follicolari, posizionate su di una siringa con ago a becco di flauto, vengono alloggiate nella cute attraverso un sistema molla-mandrino seguendo il naturale orientamento dei capelli circostanti. In questo modo i capelli impiantati cresceranno in modo naturale senza effetti artificiosi e potranno essere lavati, pettinati, e tagliati come prima.

DOPO L’ INTERVENTO, nei tre giorni successivi, bisogna evitare di sollecitare l’area in cui sono state impiantate le unità follicolari. Dopo una settimana dall’intervento di autotrapianto capelli possono essere lavati i capelli. La maggior parte dei capelli impiantati cade entro tre mesi, a causa dello stress che il follicolo subisce tra espianto ed impianto, tuttavia i tempi variano da follicolo a follicolo, in base allo stadio del ciclo vitale in cui si trovava il capello in fase di prelievo.
Un risultato estetico apprezzabile si avrà dopo 6 mesi, proprio per questo motivo sono previste da protocollo due visite di controllo post intervento (dopo 6 mesi e dopo un anno) con il chirurgo.

I segni dell’autotrapianto di capelli FUE non sono visibili perché le dimensioni del puntale dello strumento chirurgico sono assai ridotte e le micro-zolle trapiantate hanno esattamente lo stesso diametro dei forellini creati per accoglierle. Le cicatrici sono praticamente assenti sia dove i nuovi capelli vengono impiantati, sia sulla nuca.

clic_analisi

 

 

Matteo Sanders (25 Posts)

Mi occupo di capelli dal 1984